2005, 14 (3): 562-6.

Per le scuole australiane, si consiglia di progettare le uniformi in modo da fornire un’adeguata protezione solare. Indossare un cappello a tesa larga quando esposto alla luce solare Un cappello a tesa larga protegge un individuo dall’esposizione al sole bloccando i raggi UV e fornendo ombra al viso. Più larga è la tesa del cappello, migliore è la protezione e un cappello con una falda di 7 cm ridurrà l’esposizione del viso (comprese le orecchie e gli occhi) al sole di un fattore cinque. Le scuole sono incoraggiate ad attuare politiche che impediscano ai bambini di giocare al sole se non indossano un cappello a tesa larga e ad incoraggiare ulteriormente gli insegnanti e i genitori in visita a indossare tali cappelli. Indossare occhiali da sole quando sono esposti alla luce solare È importante che le persone indossino occhiali da sole conformi agli standard australiani ogni volta che espongono al sole. Gli occhiali da sole forniscono una barriera tra i raggi UV e gli occhi e quindi prevengono gli effetti nocivi dei raggi UV. L’Australian Cancer Council raccomanda alle persone di indossare occhiali da sole con protezione avvolgente (cioè laterale) conformi allo standard australiano AS / ANZ 1067: 2003. Gli occhiali da sole che soddisfano lo standard australiano devono essere etichettati con AS / ANZ 1607: 2003 e un numero di categoria. Inoltre, le lenti degli occhiali da sole dovrebbero offrire un alto livello di protezione dai raggi UV ed essere etichettate UV400 o EPF9 o 10.

Evita il sole tra le 10:00 e le 14:00 I livelli di radiazione ultravioletta alla luce del sole sono più alti nel bel mezzo della giornata (cioè tra le 10:00 e le 14:00) e quindi l’esposizione alla luce solare è più pericolosa in questo momento. È molto importante limitare l’esposizione alla luce solare in questo momento, rimanendo in casa, indossando indumenti protettivi o utilizzando aree ombreggiate. Le scuole sono incoraggiate a limitare le attività all’aperto durante questo periodo. Proteggere dall’esposizione ai raggi UV anche quando è nuvoloso Mentre le persone non sono esposte alla stessa quantità di calore in una giornata nuvolosa, i raggi UV (se in quantità minori) sono in grado di penetrare le nuvole e quindi indossare indumenti e accessori protettivi adeguati è importante anche su nuvoloso giorni. Gli individui dovrebbero essere ugualmente consapevoli del rischio di esposizione ai raggi UV in una giornata nuvolosa, anche se il solito segnale di avvertimento di sovraesposizione alla luce solare (ad es. Calore) è ampiamente assente in una giornata nuvolosa. Utilizzare l’ombra Le aree ombreggiate forniscono protezione dall’esposizione ai raggi UV e le persone dovrebbero tentare di camminare o riposarsi all’ombra, in particolare tra le 10:00 e le 14:00.prezzo reduslim Dovrebbero essere prese anche disposizioni speciali per garantire aree ombreggiate nei luoghi di lavoro all’aperto, ad esempio è possibile erigere impalcature da costruzione con una tenda da sole e le cabine delle attrezzature agricole e di movimento terra possono essere chiuse o coperte con una tettoia per fornire ulteriore protezione solare. Nei luoghi di lavoro e nelle scuole all’aperto, dovrebbero essere fornite zone pranzo ombreggiate. Le scuole australiane sono incoraggiate a fornire aree ombreggiate per pause e pasti. Formazione e istruzione La formazione e l’istruzione sono aspetti importanti della protezione dei lavoratori all’aperto e dei bambini in età scolare.

Nei luoghi di lavoro all’aperto, la formazione sui rischi di esposizione ai raggi UV per i vari tipi di pelle e le misure preventive che possono essere prese, dovrebbe essere fornita a tutti i nuovi dipendenti che lavorano e in seguito periodicamente. Nelle scuole, i programmi progettati per educare sul rischio di esposizione ai raggi UV dovrebbero concentrarsi sulla promozione di comportamenti sicuri ed educare sul rischio per tutta la vita dell’esposizione al sole. Fonti artificiali di UV Ci sono anche numerose misure che dovrebbero essere prese per proteggere le persone dall’esposizione a fonti artificiali di radiazioni UV, che sono discusse più avanti. Controlli tecnici Esistono numerosi controlli tecnici che possono essere implementati per fornire protezione dai raggi UV artificiali. In particolare è importante che le strutture e le barriere realizzate con materiali protettivi UV siano erette per racchiudere le aree in cui viene emessa la radiazione UV. Questi possono essere ulteriormente protetti da interblocchi (cioè serrature che interrompono automaticamente l’alimentazione alla fonte di radiazione UV quando la serratura viene aperta). Le superfici in tali custodie devono essere rivestite con materiale che non rifletta la radiazione UV. Controlli amministrativi I controlli amministrativi comprendono la formazione dei lavoratori e la limitazione del loro accesso alle aree in cui viene emesso un livello pericoloso di radiazioni UV, e sono misure di protezione fondamentali sul posto di lavoro. Tutti i lavoratori dovrebbero avere familiarità con le aree che presentano un pericolo.

Tali aree dovrebbero essere circondate da segnali appropriati che i lavoratori siano addestrati a riconoscere. L’accesso alle aree in cui sono presenti livelli pericolosi di radiazioni UV dovrebbe essere limitato a personale adeguatamente addestrato e vestito, per periodi di tempo limitati. Indumenti protettivi personali Laddove non è possibile applicare controlli tecnici e amministrativi per prevenire l’esposizione ai raggi UV, è importante che le persone siano dotate di indumenti protettivi adeguati per ridurre la loro esposizione ai raggi UV. Le zone del corpo più a rischio sono quelle tipicamente non coperte da indumenti da lavoro (es. Mani, viso, collo e occhi). Dovrebbero essere forniti guanti per proteggere le mani e fabbricati con un materiale a bassa trasmissione di raggi UV. Ai dipendenti che saranno esposti alle radiazioni UV dovrebbero essere forniti schermi per il viso e occhiali protettivi per gli occhi, realizzati con materiali che assorbono le radiazioni UV. In Australia, gli occhiali protettivi per prevenire l’esposizione in interni a fonti artificiali di radiazioni UV devono essere conformi allo standard australiano AS / NZS1337: 1992 – Protezioni per gli occhi per applicazioni industriali. Riferimenti Vecchio, P. Hietanen, M. Stuck, B.E. et al.

Protezione dei lavoratori dalle radiazioni ultraviolette. Organizzazione internazionale del lavoro e Organizzazione mondiale della sanità, 2007. Disponibile da: [Link URL] The Cancer Council Australia. “Fattori di rischio prevenibili – Radiazioni ultraviolette” nella National Cancer Prevention Policy 2007-09. 2007. Disponibile da: [Link URL] Gallagher, R.P. Spinelli, J.J. Lee, T.K. Lettini abbronzanti, lampade solari e rischio di melanoma maligno cutaneo. Biomarcatori dell’epidemiolo del cancro Preven. 2005, 14 (3): 562-6.

Agenzia australiana per la protezione dalle radiazioni e la sicurezza nucleare. Standard di protezione dalle radiazioni: esposizione professionale alle radiazioni ultraviolette [in linea]. 2006. Disponibile da: [Link URL] Organizzazione mondiale della sanità. Serie di informazioni dell’OMS sulla salute nelle scuole, Documento 7: Protezione solare: un elemento essenziale delle scuole che promuovono la salute [online]. WHO / UNESCO, 2002. Disponibile da: [Link URL] Australian Institute of Health and Welfare e Australian Association of Cancer Registries. Cancer in Australia 2001 [in linea]. 2004.

 Disponibile da: [URL Link] National Cancer Control Initiative. L’indagine nazionale sul cancro della pelle non melanoma del 2002: un rapporto del gruppo di lavoro sul cancro della pelle non melanoma dell’NCCI [online]. Ed. M.P. Staples, 2003. Disponibile da: [URL Link] Staples, M.P. Elwood, M. Burton, R.C. et al.

Cancro della pelle non melanoma in Australia: il National Survey 2002 e le tendenze dal 1985. MJA. 2006,184: 6-10. McDermid, I. Cancer Incidence Projections Australia 2002-2011 [in linea]. Australian Institute of Health and Welfare, Australian Association of Cancer Registries e National Cancer Strategies Group, 2005. Disponibile da: [URL Link] Australian Bureau of Statistics.

Cause di morte, Australia 2005 [in linea]. 2007. Disponibile da: [Link URL] Whiteman, D.C. Whiteman, C.A. Green, A.C. Childhood Sun Exposure as a Risk Factor for Melanoma: a sistematic review of epidemiological studies. Cancer Causes Control, 2001, 12 (1): 69-82. Organizzazione mondiale della sanità. Indice UV solare globale: una guida pratica [in linea].

Organizzazione mondiale della sanità. Disponibile da: [Link URL] The Cancer Council Queensland, Schools Sun Smart Policy Guidelines, 2007. Disponibile da: [File PDF] Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro. I filtri solari prevengono il cancro della pelle [in linea]. 2000. Disponibile da: [URL Link] van der Pols, J.C. Williams, G.M.

Pandeya, N. Prolonged Prevention of Squamous Cell Carcinoma of the Skin by Regular Sunscreen Use. Biomarcatori dell’epidemiolo del cancro Prev. 2006, 15 (12): 2546-8. Australian Cancer Council. Protezione degli occhi dalle radiazioni ultraviolette [in linea]. 2006.

Disponibile presso: [File PDF] Australian Radiation Protection and Nuclear Safety Agency. Guida alle risorse UV – Standard australiano per occhiali da sole e vetri di sicurezza [online]. 2006, disponibile da: [Link URL] Una lipoproteina è una proteina unita a un lipide. Introduzione alla nutrizione per i bambini della scuola primaria Bisogni nutrizionali dei bambini in età scolare Energia Proteine ​​Acidi grassi essenziali Calcio Ferro Cosa possono fare i genitori per aiutare i bambini a mangiare in modo sano? Consigli nutrizionali per bambini in età scolare Problemi nutrizionali nei bambini in età scolare Obesità Disturbi alimentari Livelli di colesterolo nel sangue Carie dentale Anemia Punti chiave per una buona alimentazione nei bambini in età scolare Introduzione all’alimentazione per i bambini nella scuola primaria Mantenere una dieta equilibrata e un regolare esercizio fisico è importante per tutti gli individui, in particolare i bambini in età scolare (6-12 anni). Questi bambini sono tenuti a mangiare una varietà di alimenti di ciascun gruppo alimentare per garantire un apporto ottimale di tutte le vitamine e i minerali. Allo stesso tempo, possono affrontare nuove sfide per quanto riguarda le scelte e le abitudini alimentari. Le decisioni su cosa mangiare sono in parte determinate da ciò che viene fornito a scuola, a casa, dall’influenza degli amici a scuola e dai media, in particolare dalla televisione.

Una cattiva alimentazione compromette sia la qualità della vita dei bambini in età scolare, ma anche il loro potenziale di trarre vantaggio dall’istruzione. Il raggiungimento di un’alimentazione ottimale implica il consumo di tre pasti al giorno e due spuntini nutrienti, oltre a limitare l’assunzione di cibi ricchi di zuccheri e grassi. Il consumo di abbondanti quantità di frutta, verdura, carni magre e latticini a basso contenuto di grassi, comprese tre porzioni di latte, formaggio o yogurt per soddisfare il loro fabbisogno di calcio, può anche prevenire molti problemi medici. Ciò include il sovrappeso, lo sviluppo di ossa deboli e lo sviluppo del diabete. Un’alimentazione adeguata dei bambini in età scolare garantirà inoltre che crescano al massimo del loro potenziale e fornirà le basi per una vita sana. Nutrienti essenziali per il bambino in età scolare I bambini in età scolare crescono in modo significativo, ma a un ritmo più lento, pur essendo molto attivi fisicamente in generale. Di conseguenza, i loro bisogni nutrizionali sono elevati e critici. Inoltre, il background genetico, il sesso, le dimensioni e la forma del corpo sono tutti determinanti importanti del fabbisogno di nutrienti.

Una recente revisione della ricerca sugli effetti delle carenze di zinco, iodio, ferro e folato sullo sviluppo cognitivo dei bambini in età scolare ha dimostrato che l’alimentazione ha un impatto sulla capacità di pensare dei bambini. Ad esempio, le carenze di ferro e zinco sono state associate a compromissione della funzione neuropsicologica, ritardo della crescita e dello sviluppo, ridotta immunità e maggiore vulnerabilità alle malattie infettive. I nutrienti essenziali per una salute ottimale sono: Energia Carboidrati e grassi forniscono energia per la crescita e l’attività fisica. Durante i periodi di rapida crescita, l’appetito aumenta ei bambini tendono a mangiare costantemente. Quando la crescita rallenta, l’appetito diminuisce ei bambini mangiano meno durante i pasti. Il cervello ha bisogno di energia per funzionare correttamente e quindi l’apporto di glucosio è rilevante e fondamentale. Compiti cognitivamente impegnativi, come i compiti scolastici, richiedono forniture regolari di glucosio al cervello per migliorare il funzionamento cognitivo e migliorare la memoria e l’umore. Proteine ​​Le proteine ​​costruiscono, mantengono e riparano i tessuti del corpo. È particolarmente importante per la crescita. È importante che i genitori incoraggino i bambini a mangiare due o tre porzioni di proteine ​​al giorno.

Buone fonti di proteine ​​per i bambini includono carne, pesce, pollame, latte e altri latticini. Acidi grassi essenziali La carenza di acidi grassi insaturi può avere un impatto negativo sul rendimento scolastico. In uno studio controllato randomizzato, sei mesi di trattamento con integratori di acidi grassi su 102 bambini dislessici in età scolare hanno migliorato significativamente l’età di lettura nei test standardizzati di lettura di una sola parola. La dislessia e la disprassia sono associate a difficoltà con l’ortografia, la grafia e l’espressione scritta. Calcio Il calcio è importante per costruire ossa e denti forti. La densità ossea soffre quando il fabbisogno di calcio non viene soddisfatto durante gli anni dell’infanzia. L’osteoporosi, una malattia ossea indebolita, colpisce una percentuale significativa di adulti. Questo inizia durante l’infanzia se le diete non forniscono alimenti ricchi di calcio adeguati. Latte e latticini e da alcune verdure a foglia verde scuro sono buone fonti di calcio. Ferro I bambini hanno bisogno di ferro a causa della rapida espansione del volume del sangue durante la crescita.

Carne, pesce, pollame e pane e cereali arricchiti sono le migliori fonti di ferro nella dieta. Cosa possono fare i genitori per aiutare i bambini a mangiare in modo sano? I genitori sono modelli di comportamento per i loro figli, quindi è probabile che qualsiasi abitudine alimentare formata dal genitore si rifletta nel bambino. I modelli di comportamento alimentare sani degli adulti possono avere un’influenza positiva sui modelli alimentari dei bambini quando forniscono pasti e spuntini sani a casa. I genitori dovrebbero fornire una varietà di cibi e stabilire orari regolari per pasti e spuntini. Nella maggior parte dei casi, i bisogni nutrizionali saranno adeguatamente soddisfatti se si fa riferimento alla Piramide alimentare nella pianificazione dei pasti familiari. La piramide alimentare progettata da Nutrition Australia mira a promuovere un’alimentazione sana per tutte le età. Vuole essere una guida generale alle scelte alimentari quotidiane.

La piramide alimentare (vedi Introduzione alla nutrizione) afferma che gli alimenti contenenti molti grassi, oli e dolci dovrebbero essere consumati con parsimonia. Una ricerca condotta in Australia ha scoperto che il cibo acquistato nelle mense scolastiche aveva un contenuto nutrizionale simile al cibo portato da casa; il valore nutritivo di entrambe le fonti dei pasti del pranzo doveva essere migliorato. Consigli nutrizionali per bambini in età scolare Il miglior consiglio nutrizionale per mantenere i tuoi figli sani include incoraggiarli a: Fare colazione ogni giorno per aiutare a mantenere la concentrazione in classe. Una buona colazione dovrebbe essere in grado di fornire un terzo del fabbisogno energetico giornaliero totale. Una colazione tipica include cereali (ad esempio, riso, pane e avena), alimenti ricchi di proteine ​​come uova, un bicchiere di latte e frutta ricca di vitamina C, ad es. arancia e papaia. Uno studio ha rilevato che un digiuno notturno e mattutino tra i bambini in età scolare ha avuto effetti deleteri sulla memoria e sull’attenzione. L’evidenza empirica della ricerca sugli effetti della colazione sulla cognizione mostra che, in particolare per i bambini più piccoli, saltare la colazione può avere effetti negativi sia sui livelli energetici generali che sulla cognizione dei bambini in età scolare.

Mangia una varietà di cibi per avere un adeguato apporto di nutrienti. Bilancia il cibo che mangi con l’attività fisica. Scegli una dieta ricca di prodotti a base di cereali, verdura e frutta. Scegli una dieta a basso contenuto di grassi, grassi saturi e colesterolo. Acquista pasti a basso contenuto di calorie e grassi, snack e dessert, latte magro o scremato e bevande dietetiche. Scegli una dieta che fornisce abbastanza calcio e ferro per soddisfare le esigenze del loro corpo in crescita. Insegna ai bambini sin dalla tenera età l’alimentazione, i cibi, le bevande, il mangiare sano e il bere.

Dovrebbe essere insegnato loro cosa succede al cibo che consumano. Scegli una dieta moderata in zuccheri e sale.